Dicono di noi

Da: Luca------ <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
A: <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
Egregio sign. Giampaolo, 
Sono lieto di comunicare che il pezzo da me ordinato è arrivato.
È conforme alla descrizione,È bellissimo e fatto veramente molto bene. Lieto di essere un suo nuovo cliente
le porgo distinti saluti. 
Luca
 
Da: massimiliano.--------<Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
A: <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>

Materiale arrivato....verrei di persona a stringerle la mano....sono a dir poco divine!!grazie mille!!

Da: "------- Federico" Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
A: "Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Cc:
Data: Fri, 10 Jul 2015 18:27:48 +0000
Oggetto: Valigie arrivate

> Grazie!
> Sono bellissime
> Fede

Da: Francesco ---------- <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>
A: Giampaolo Negrini Kobold <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>

Ciao sono Francesco e ti scrivo qui la recensione delle borse per l'africa Twin. Ti prego di pubblicare anche l'indirizzo del nostro blog.
Ho testato le borse della Koboldbike 34+44 specifico per l'Africa Twin CRF 1000l durante un viaggio che ha portato me a mia moglie in giro per due mesi e circa 13800km. Siamo partiti da Pontedera e passando Slovenia, Croazia, Serbia, Bulgaria,Turchia siamo giunti in Georgia e Armenia vere mete del nostro viaggio. Rientrati in  Turchia abbiamo preso il traghetto per Cipro per poi tornare definitivamente verso casa. Nel viaggio abbiamo affrontato ogni tipo di strada; dalle lunghe statali Turchia passate sparati ai 150 all'ora, alle malmesse strade caucasiche dove cento e più occhi non basterebbero per star dietro a buche, animali, carri e ogni sorta di abitante della strada. Circa 1500 i km percorsi in OFF passando per le tranquille strade bianche che portavano ai monasteri Armeni  fino alle strade di terra, fango  e guadi da percorrere per esplorare le incredibili valli caucasiche Georgiane. A farci da compagnia il trittico Koboldbike aquistato a Febbraio e utilizzato prima del viaggio nella vita di tutti i giorni e in un paio di WE (strade dell'eroica per  chi le conosce) per farci un'idea della robostuzza e capienza. Le impressioni di viaggio che abbiamo potuto ricavare sono:
1) La comodità di riavere la moto nel suo stato originale una volta staccate le borse e la facilità di montaggio-smontaggio.
2)La comodità di un'unica chiave per tre borse.
3) La grande capacità del baule Kobotop da 56 litri a cui era stato legato sopra uno zaino da 40 litri da trekking. Tra baule e zaino  si superavano i 20Kg di carico ma non sono avvenute ne deformazioni nel baule ne problemi con la piastra e gli attacchi.
4) Le borse sono quasi sempre state cariche al massimo e sopra di esse erano legati due rotoli della Kappa da 30 litri. Anche in  questo caso nessuna deformazione. Siamo caduti,in OFF ,a dire il vero a velocità molto basse, due volte a destra e due volte a sinistra. Grazie al sostegno della barra posteriore, che a mio avviso va sempre montata, non si sono verificati problemi.
5) Lo spazio per il passeggero rimane praticamente identico con o senza borse tranne una leggera diminuzione per quello destinato ai piedi sulle pedane.
Se dovessi elencare i punti deboli dire che:
1) Si deve fare molta attenzione nello smontaggio-montaggio delle borse laterali per evitare graffi agli incavi laterali posti sul codone. Occorre quindi spinere fino in   fondo il pulsante aiutandosi con le chiavette che permettono il bloccaggio delle borse stesse. Forse occorrerebbe uno strumento più solido ma soprattutto più spesso per fare in modo che il pulsante rimanga bloccato fino in fondo più facilmente. 
2) All'apertura-chiusura dei tappi delle borse attenzione a non far sbattere gli stessi sui delicati maniglioni  dell'Africa che tendono a sverniciarsi.
3) Occorrerebbe trovare un metodo per fissare le viti della barra posteriore senza l'utilizzo del cacciavite. Forse basterebbero delle viti con una farfalla in testa.
4) Occhio alle rifiniture; Adesivi sui pulsanti e  scritta sul baule posteriore si sono staccati dopo tre settimane di uso intenso.
In definitiva si tratta di un kit di borse estremamente solido e capiente che non basa la sua forza sui dettegli estetici ma che abbiamo usato e useremo per i nostri viaggi a lungo raggio senza grosse premure di rotture particolari. L'eccellente rapporto qualità-prezzo e il sicuro miglioramento nelle versioni a venire ne fanno una scelta più che felice per i possessori della nuova Africa. Se volete scoprire chi siamo e tanto altro dei nostri viaggi potete clikkare sul seguente link: